Home Page Prevenzione
Image alt

Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio.


L'esperienza dell'abuso incide sul percorso evolutivo del bambino e sulla strutturazione della sua personalità, modifica il suo mondo interno, altera le sue relazioni con gli adulti e con i coetanei. Il danno è tanto maggiore quanto più l'abuso resta nascosto e quanto più vengono ritardati i necessari interventi di protezione del bambino nel suo contesto familiare e sociale. L'individuazione precoce degli abusi è notoriamente resa problematica dalla difficoltà delle piccole vittime a uscire dal silenzio. Proteggere i bambini è un impegno da grandi. Telefono Arcobaleno sente il dovere di tutelare i bambini e invita la collettività a farlo al suo fianco. Telefono Arcobaleno promuove e diffonde la cultura della tutela dell'infanzia quale preciso dovere collettivo. Attraverso i suoi programmi di PREVENZIONE DELL'ABUSO INFANTILE, offre agli adulti con funzioni educative e di protezione validi strumenti per prevenire, fare emergere, gestire e contrastare in modo efficace ogni forma di abuso e/o disagio minorile. L'attività di prevenzione rivolta ai diversi territori italiani ed esteri, rappresenta una delle linee di azione attraverso cui Telefono Arcobaleno entra in contatto diretto con alcuni dei suoi interlocutori naturali: dirigenti scolastici, insegnanti, genitori, catechisti, educatori, operatori di Comunità, professionisti del settore di interesse e, più in generale, Istituzioni preposte alla tutela dell'infanzia. Gli interventi di prevenzione sono finalizzati a favorire la rilevazione precoce dei fattori di rischio, l'emersione e la corretta gestione di tutte le forme di abuso infantile nell'ambito dei più significativi contesti di vita del bambino attraverso il potenziamento delle risorse di coloro che, a vario titolo, hanno il compito di garantire il suo benessere psico-fisico; tali interventi sono concepiti quali validi strumenti offerti agli adulti con funzioni educative e ai professionisti del welfare e del settore giudiziario per rispondere al dovere di proteggere l'infanzia.

I nostri risultati.


Dal 1996 a oggi sono oltre DIECIMILA le persone aiutate a proteggere l'infanzia e coinvolte nei programmi di prevenzione e formazione tra docenti, genitori, educatori, medici, assistenti sociali, psicologi, magistrati, avvocati, esponenti delle Forze dell'Ordine, tecnici informatici, studenti universitari. 4.000 i bambini e adolescenti incontrati nelle Scuole.

 

Programmi di prevenzione: obiettivi

Ottenere il riconoscimento sociale dell'abuso quale grave forma di violazione dei diritti fondamentali dell'infanzia

Favorire l'acquisizione o il consolidamento di adeguate conoscenze sul tema dell'abuso infantile

Stimolare ogni forma di esercizio del dovere degli adulti di proteggere l'infanzia

Offrire strumenti utili alla gestione dei casi di sospetto abuso infantile

Favorire l'attivazione precoce di efficaci interventi di protezione del bambino a rischio o già vittima di abuso

Stimolare il lavoro di rete tra i professionisti coinvolti nella gestione dei casi di abuso infantile.

.

Programmi di prevenzione: peculiarietà

Elemento distintivo dei programmi di prevenzione di Telefono Arcobaleno è il contatto diretto con i singoli soggetti coinvolti. I programmi di prevenzione vengono realizzati nell'ambito dei diversi contesti di appartenenza degli interlocutori (Scuole, Parrocchie, Agenzie educative, Comunità, Servizi territoriali, Istituzioni dell'ambito giudiziario, Università). Il dispiego massivo delle risorse necessarie a garantire un tale coinvolgimento diretto trova giustificazione nell'appurata efficacia degli interventi così strutturati..

Modello di intervento: siamo vicini agli adulti per proteggere i bambini

Telefono Arcobaleno dedica particolare attenzione alla prevenzione nella Scuola, intesa non solo come luogo deputato allo sviluppo culturale e alla formazione del bambino e dell'adolescente, ma anche come spazio privilegiato per la rilevazione precoce del disagio infantile e per la prevenzione degli abusi. L'osservazione quotidiana e attenta del bambino nell'ambito di uno dei suoi principali contesti di vita, infatti, può favorire il riconoscimento precoce di situazioni di rischio o di pregiudizio e, quindi, l'attivazione del sistema di tutela socio-sanitario e giudiziario. Alla luce della considerazione dell'importante ruolo preventivo che l'Istituzione scolastica può assolvere e considerando le difficoltà insite nelle gestione di un sospetto abuso, Telefono Arcobaleno trova nei docenti i suoi interlocutori privilegiati e li sostiene nel loro peculiare compito di custodia del benessere del minore. Telefono Arcobaleno propone loro interventi di mirati a potenziarne la capacità di riconoscere i segnali di disagio dei bambini, di gestire adeguatamente il sospetto abuso e di intervenire precocemente a loro tutela. I programmi di prevenzione studiati per le Scuole prevedono interventi rivolti al corpo docente delle Scuole primarie e secondarie di primo grado, ma anche agli adulti con funzioni genitoriali. In particolare, l'equipe di specialisti dedicati a tali programmi propongono schemi di intervento diversificati, declinati secondo metodologie che tengono conto delle specifiche esigenze dei destinatari.

Al fine di garantire la promozione del benessere e la tutela del bambino vittima di abuso, è indispensabile mettere in campo le migliori professionalità e competenze in ogni settore di intervento. Nell'ottica dell'aggiornamento continuo dei professionisti che, a vario titolo, entrano in contatto con il mondo dell'infanzia, Telefono Arcobaleno, Ente di formazione accreditato, realizza corsi di formazione di alta specializzazione a loro dedicati. La formazione specialistica è rivolta a professionisti già formati sul tema dell'abuso sull'infanzia che vogliano approfondire la tematica e aggiornare le proprie competenze o ai futuri professionisti dei settori socio-sanitario, giudiziario, accademico e informatico. I corsi di formazione specialistica sono studiati in relazione alla categoria di utenza cui sono rivolti e curati da equipe multidisciplinari altamente specializzate in materia di prevenzione e intervento degli abusi sull'infanzia. Per la peculiarità delle competenze necessarie al contrasto dello sfruttamento sessuale attraverso internet, particolare attenzione viene rivolta alla formazione dei professionisti coinvolti nelle investigazioni telematiche in materia di pedopornografia. Telefono Arcobaleno, nell'ambito della sua storica attività in favore dell'infanzia e in quanto Ente di formazione accreditato, ha affiancato negli anni il mondo scientifico, giudiziario, accademico e del welfare realizzando i seguenti percorsi di formazione specialistica:

AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RIVOLTI AI PROFESSIONISTI DELL'AREA SOCIO-SANITARIA. Corsi finalizzati ad affinare le competenze sulla valutazione, la diagnosi e il trattamento dei casi di abuso infantile e rivolti a psicologi, psicoterapeuti, medici pediatri, ginecologi, medici legali, medici di Pronto Soccorso, assistenti sociali, studenti universitari delle Facoltà attinenti.

AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RIVOLTI AI PROFESSIONISTI DELL'AREA GIUDIZIARIA E INVESTIGATIVA. Corsi finalizzati ad affinare le competenze sulle tecniche di indagine tradizionali e sulle tecniche di investigazione telematica utilizzabili per il contrasto della pedofilia on line, nonché sugli strumenti di tutela del minore vittima di abuso in ambito giudiziario. Sono rivolti a magistrati, avvocati, esponenti delle Forze dell'Ordine, informatici, studenti universitari delle Facoltà attinenti - informatica e giurisprudenza. Rafforzando le reti territoriali di intervento attraverso la formazione specialistica di chi vi opera, Telefono Arcobaleno intende promuovere modelli di intervento adeguati alla complessità propria dell'abuso, basati sulla sinergia operativa e sull'alta specializzazione dei professionisti che sono chiamati a occuparsene.

Particolare impegno viene profuso nella mobilitazione collettiva a tutela dei diritti universali dell'infanzia, quale preciso dovere e valore essenziale di una società che voglia definirsi civile. La sensibilizzazione della pubblica opinione vuole essere un contributo allo sviluppo di una nuova coscienza universale che ponga al centro dei propri valori il rispetto dei diritti inviolabili del fanciullo, in una logica di riaffermazione dei principi di rispetto della dignità umana. La sensibilizzazione della collettività sul tema dei diritti inviolabili del fanciullo è un importante strumento di prevenzione dell'abuso in ogni sua forma. Per produrre una mobilitazione consapevole della cittadinanza verso i temi legati alla protezione dell'infanzia da ogni forma di abuso e sfruttamento sessuale Telefono Arcobaleno:

· sensibilizza il cittadino sul suo dovere civico di contribuire, nell'ambito delle sue possibilità e delle sue specifiche funzioni, alla difesa del benessere di ogni bambino;

· veicola informazioni affidabili e complete sul tema dell'abuso, affinché l'interesse dei cittadini passi attraverso una effettiva conoscenza del problema e dei possibili interventi. Promuove, in particolare, il riconoscimento sociale della pedofilia on line quale nuova forma di riduzione in schiavitù, facilitando la comprensione della reale natura e dimensione del fenomeno;

· avvicina la collettività alla propria mission per stimolare la mobilitazione delle forze più vive e più sane della società nella comune battaglia a favore dei diritti dell'infanzia.

Strumento d'elezione per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle diverse forme di violazione dei diritti dell'infanzia sono le CAMPAGNE SOCIALI. Telefono Arcobaleno crede nel valore della diffusione capillare dei suoi messaggi mirati a promuovere una decisa cultura delle tutela dell'infanzia.